Costretta lavorare fino giorno del parto

E' stato condannato a cinque mesi e 23 giorni di reclusione (pena sospesa) un barista vicentino che aveva 'ricattato' una ex dipendente per costringerla a lavorare, incinta, fino al giorno del parto. L'uomo aveva minacciato di far perdere il posto alla donna, se non si fosse presentata ogni giorno in servizio, in un bar di Camisano Vicentino. Ma secondo la Procura di Vicenza l'atteggiamento del datore di lavoro corrispondeva ad un'estorsione e per questo - riferiscono i quotidiani locali - il 65enne è stato condannato dal giudice nell'udienza preliminare. Il gup Roberto Venditti ha disposto inoltre un risarcimento danni di 5mila euro nei confronti dell'ex dipendente, una 31enne residente a Camisano (Vicenza).

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Oggi Treviso
  2. TVWeb
  3. TVWeb
  4. Oggi Treviso
  5. VenetoVox

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Loria

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...